Monitor da gaming: una panoramica a tutto schermo!

Pubblicato il 28 July 2017

Cosa ve ne fate di una scheda grafica potentissima se non avete un monitor da gaming come si deve?

 

Questa domanda retorica basterebbe per convincervi a valutare l'acquisto di un monitor da gaming per migliorare la vostra esperienza di gioco, ma oggi andremo ad analizzare nel dettaglio le caratteristiche tecniche richieste per un buon prodotto di questa fascia. Perché ormai l'avete capito: per essere "da gaming", ognuno dei componenti che vi consigliamo deve avere dei requisiti ben determinati!

 

Per scegliere un monitor da gaming come si deve, dovete far caso ad alcune cose molto importanti. In primis la dimensione:

 

vi serve davvero un monitor da 32 pollici?

 

E la vostra scheda video è in grado di supportare gli enormi carichi di lavoro e le impostazioni che dovrete regolare per quel tipo di monitor?

 

Se la risposta a queste domande è "no", allora anche un buon 24 pollici può fare a caso vostro.

 

Per la risoluzione non dovreste aver grossi problemi, perché ormai tutte le aziende hanno fissato il Full HD come standard commerciale. E dato che presto o tardi si passerà immancabilmente al 4K come risoluzione "di mercato", tanto vale iniziare già ad attrezzarsi con prodotti che lo supportano. E sempre riguardo a questioni di compatibilità, mi preme ricordarvi di fare attenzione alle sigle G-sync e V-sync, due tipi di tecnologie diverse impiegate dalle schede video in commercio:

 

controllate sempre che il monitor sia compatibile con G-sync o V-sync, e fatelo soprattutto in base al tipo di tecnologia che la vostra GPU supporta!

 

Concludiamo con quelle che, a mio avviso, sono le caratteristiche più importanti per un monitor da gaming come si deve, ovvero Refresh Rate e Tempo di Risposta. La prima "caratteristica" indica il numero di fotogrammi per secondo visualizzati dal monitor quindi, più alto è il valore, migliore sarà la fluidità. I gamer consigliano un valore di ben 144Hz. Ben diverso è il Tempo di Risposta che, come dice la parola stessa, è una caratteristica tutta legata alla capacità del monitor di far cambiare colore al pixel nel minor tempo possibile. Qui abbiamo bisogno che i valore di riferimento (i millisecondi, o ms) siano quanto più bassi possibile, in modo da evitare fastidiosi problemi come il ghosting (ovvero la sovrapposizione di immagini dovuta al "ritardo" nel tempo di risposta del monitor).

 

Più avanti indicheremo quali sono i migliori monitor per gaming in base alle fasce di prezzo e alle esigenze di ogni singolo giocatore!

La tecnologia crea innovazione solo se diventa alla portata di tutti.

Compila il modulo